Palla Prigioniera
  • Età

    a partire dai 6 anni

  • Dove si può giocare

    negli spazi aperti e in palestra

  • Principali abilità coinvolte

    Coordinazione generale e oculo-segmentaria, capacità di adattamento allo spazio, relazione e contatto con i compagni

  • Numero di partecipanti

    da 4 a illimitato

  • Attrezzature necessarie

    Una palla morbida, una rete o un filo divisorio

Come si gioca

Palla prigioniera è un gioco molto divertente, i bambini sono parte attiva del gioco già dalla preparazione del campo, loro stessi infatti, con dei gessi ,dei pastelli a cera o del nastro adesivo colorato possono disegnare le linee di demarcazione.

Per giocare a palla prigioniera è necessario formare due squadre di uguale numero di partecipanti , la rete o il filo teso ci serviranno per  dividere il campo di gioco in due metà e nel fondo di ognuna delle due aree di gioco dovrà essere delimitato uno spazio per i prigionieri.

Per questo gioco vi consiglio di scegliere una palla morbida e leggera, così che i bambini che dovessero essere colpiti durante l’attività non si facciano male e il gioco possa durare più a lungo.

Il gioco inizia quando la palla viene lanciata a due mani al di sopra della rete nell’altra area di gioco. Se la palla viene presa al volo dagli avversari, il lanciatore diventa un loro prigioniero e deve recarsi nell’apposito spazio delimitato in fondo al loro campo.

Per liberarsi, e quindi ritornare nella sua squadra, deve riuscire a prendere la palla al volo ad uno dei lanci dei suoi compagni.

Vince la squadra che imprigiona tutti gli avversari.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato